Verdura

Barba di frate

Conosciuta anche con il nome di agretti , la barba di frate spicca per la ricchezza in calcio e provitamine A  che ne fa un alimento ideale per la pelle . Infatti , questa sinergia favorisce l’idratazione profonda , i meccanismi di ricambio cellulare e il rinforzo delle naturali difese della pelle mantenendola quindi più  luminosa , compatta e sana.
Quest’ortaggio è anche ricco di vitamina C che , sempre insieme al calcio , promuove la produzione di collagene . La barba di frate è quindi utile non solo come verdura antiage ma anche per contrastare le allergie cutanee e gli eczemi che si manifestano soprattutto in primavera .

Carciofi

Secondo un’ antica leggenda greca il carciofo era una ragazza dal nome Cynara che viveva sull’ isola di Zinari . Zeus vide la ragazza bagnarsi nel mare Egeo e la sedusse , trasformandola  per poterla avere sempre vicino nell’ Olimpo . I carciofi contengono sostanze che stimolano la produzione di bile e  l’eliminazione di colesterolo e triglicerdi. Sono ideali durante le diete dimagranti o i periodi di disintossicazione .Derivato dal cardo selvatico , è presente sul mercato in molte varietà , con senza spine. In cucina se ne consumano i fiori e parte del gambo e in fitoterapia le foglie , per il loro potere epatoprotettivo e stimolante della bile . Crudo facilita la digestione , cotto aiuta la flora batterica intestinale a mantenersi attiva . Ferro , acido folico e vitamine del gruppo B ne fanno un ottimo tonico antistanchezza .

Cavoli di Bruxelles

Ricchi di sale minerali , soprattutto magnesio , zolfo e ferro e vitamina A e C , come tutti i cavoli rafforzando le difese immunitarie anche contro le malattie da raffreddamento e sono un buon lassativo naturale , aiutando il colon nelle sue funzioni . al momento dell’ acquisto controllate che i margini delle figlie non siano anneriti . I cavoli di Bruxelles sono le gemme ascellari di una varietà di cavolo che cresce bene nei climi freddi e umidi del nord Europa : la pianta è alta un metro e può produrre anche 40 cavoletti .

Cavolo nero

Ortaggio tipico della Toscana , ingredienti   fondamentali della nota ‘’ribollita’’ , è detto anche cavolo  a penna o a palma per la sua forma . se ne utilizzano le foglie , scure e ricche di bolle , dopo aver eliminato la costa dura centrale, si accompagna benissimo con i cereali integrali per il suo gusto intenso . Ricco di potassio e acido  folico ,è un valido aiuto per aumentare l’energia e la resistenza al freddo . Dopo le prime gelate invernali il cavolo nero risulta più tenero e saporito. Si consiglia di consumarlo appena acquistato perché conservandolo in frigorifero diventa più amaro .

Cavolo Romanesco

Il  cavolo romanesco è uno degli ortaggi più belli per la sua forma perfettamente geometrica. Il sapore è intermedio tra il cavolfiore e il broccolo, si consiglia di cuocerlo a vapore per non alterarne le proprietà nutrizionali, il cavolo romanesco è costituito soprattutto da sali minerali come zolfo , selenio , calcio e potassio. Il sulforafano contenuto nei cavoli è un potente antibatterico naturale attivo contro l’helicobacter pylori  il batterio coinvolto nell’ ulcera gastrica .

Finocchio

Delle varietà selvatiche ,molto aromatica , si usano le foglie sottili, al fieno , da cui deriva il nome , e i semi per dolci e tisane . La varietà coltivata è presente sul mercato già da settembre ma è più tenera mai mesi invernali . Ricco d’acqua, fibre e con pochissime calorie , il finocchio è perfetto per il controllo del peso, la stitichezza e l’aerofagia,non si butta nulla e le parti più coriacee danno un dolce sapore al passato di verdura , le barbe verdi insaporiscono insalate , patate lesse e vellutate.

Indivia belga

Spesso confusa con la “cugina” cicoria (entrambe appartengono allo stesso genere Cichorium), l’indivia sviluppa una rosetta di foglie assai increspate le quali formano un cespo piuttosto lasso.L’imbianchimento delle foglie si esegue raccogliendole e legandole con un filo di rafia. La varietà belga, Indivia Belga, si presenta a forma di grosso sigaro color crema perché fatta crescere al buio; questa tecnica consente alle foglie di rimanere bianche e più tenere. Ha sapore particolarmente amaro. L’amaro è sempre depurativo e utile nei mesi freddi quando si consumano cibi più calorici, aprire il pasto con questa invidia aiuta a controllare l’appetito , con un apporto calorico modestissimo. Si conserva a lungo in frigorifero , ma deve essere fresca e senza macchie scure al momento dell’ acquisto . L’invidia belga è nata nel 1850 grazie a un agricoltore belga che ebbe l’idea di coltivare al buio , insieme ai funghi .

Melanzane

Sono il frutto di una pianta appartenente alla famiglia delle solanacee. Se cucinato in modo semplice , è un ortaggio poco calorico che stimola l’ intestino, con le sue tante fibre e il fegato, grazie a una sostanza amara simile a quella contenuta nel carciofo. Probabilmente la melanzana fu portata in Europa intorno al 1400 dagli Arabi che cominciarono a coltivare in Sicilia .

Peperoni

Questi ortaggi portano allegria sulla tavola con i loro colori brillanti , dal verde al giallo al rosso intenso , cui corrisponde un alto contenuto di caroteni , i precursori della vitamina A che aiutano la pelle e gli occhi a difendersi dai raggi solari . Consumati crudi , apportano anche molto vitamina C. La sostanza che rende piccanti i peperoncini è un alcaloide che si chiama capsicina e la sua concentrazione può superare di 600 volte quella presente nei peperoni dolci .

Prezzemolo

Il prezzemolo e molto ricco di potassio che migliora il metabolismo, favorendo anche la disintossicazione. Inoltre , contiene molta vitamina C che associata ai carotenoidi presenti rinforza il sistema circolatorio, favorendo sia il microcircolo sia la salute. Il consumo di quest’erba aromatica è dunque particolarmente indicato per chi soffre di difficoltà circolatorie con gonfiori , fragilità venosa e couperose . La varietà tradizionale più diffusa in Italia è quello con le foglie piene , è più aromatico del prezzemolo riccio , comune in nord europa , molto decorativo e quindi usato spesso per guarnire i piatti .

 Zucchine

Le zucchine sono le regine di ogni dieta primaverile, grazie alla presenza di alte percentuali di acqua e fibre, oltre a particolari amminoacidi  come l’acido glutammico , il tripofano e l’ariginina che stimola la tiroide , accelerano il metabolismo e favoriscono  l’eliminazione delle tossine. Sono dunque gli ortaggi ideali per le persone che associano al sovrappeso disturbi come l’ ipertensione . L’azione saziante delle fibre è potenziata dal manganese e dal magnesio , contenuti in buone quantità , che contrastano la fame nervosa .