CREMA DI CAVOLO NERO E ACETO BALSAMICO

 

Ingredienti per 4 persone :

1 kg cavolo nero

1,5 lt brodo vegetale

300 g patate

2 porri

250 g panna di soya

Olio EVO qb

Sale di cervia qb

Pepe bianco qb

Aceto balsamico di Modena IGP qb

Anacardi qb

Preparazione:

Pulire i porri e tritare finemente e mettere in padella con un po’ di olio e fare appassire per 5 minuti circa, poi aggiungere le patate tagliate a dadolini molto piccoli (per facilitare la cottura) e procedere la cottura per altri 10 minuti, se necessario aggiungere un po’ di brodo vegetale. Salare e pepare a piacere.

Pulire il cavolo nero privandolo delle foglie esterne più dure e tagliare finemente anche questo, aggiungere in padella con le altre verdure e continuare la cottura aggiungendo il brodo vegetale, fare cuocere il tutto per 15 minuti circa.

A cottura ultimata delle verdure versare in una casseruola e con l’aiuto di un minipimer ad immersione frullare fino a ottenere una crema densa, aggiungere la panna di soya e cuocere ancora per 10 minuto a fiamma  moderata. Servire la crema con aceto balsamico e anacardi tritati. Questa crema può essere accompagnata anche con pane nero tostato  aromatizzato alle erbe aromatiche.

 

BISCOTTI CON CACHI E MIRTILLI ROSSI

Ingredienti per circa 26 biscotti circa:

70 ml olio di girasole

170 g sciroppo d’agave

250 ml polpa di cachi

60 g noci tritate

60 g mirtilli rossi essicati o freschi

200 g farina di grano duro

60 g farina di farro o integrale

2 c polvere lievitante (cremor tartaro)

½ c cannella in polvere

1 pizzico di sale

bevanda vegetale (se necessaria)

Preparazione:

In un’ampia ciotola sbattere l’olio di girasole, lo sciroppo d’agave e la polpa di cachi. Aggiungere le noci tritate e i mirtilli rossi e mescolare bene. In un’altra ciotola setacciare le farine, la polvere lievitante, la cannella e il sale, mescolare bene con un cucchiaio di legno. Unire i due composti e amalgamare bene, se l’impasto dovesse risultare troppo secco aggiungere un po’ di bevanda vegetale. L’impasto deve essere piuttosto morbido. Preriscaldare il forno a 180°C e foderare una teglia con carta forno. Con l’aiuto di un cucchiaio fare cadere una generosa cucchiaiata di composto sulla teglia. Procedere fino ad impasto terminato. Infornare e cuocere per circa 15 minuti. Togliere dal forno e lasciare raffreddare, si conservano in un contenitore ermetico fino a 2 settimane.

LO SAPEVI CHE…

Dalla polpa bruna e zuccherina, i cachi sono di origine asiatica e appartengono alla famiglia delle ebanacee. L’albero di cachi viene soprannominato dai cinesi “l’albero delle sette virtù” in quanto capace di vivere a lungo, fa nidificare gli uccelli fra i suoi rami, le sue foglie sono decorative, la caduta delle foglie rende il terreno molto fertile, non viene attaccato mai dai parassiti e il legno è capace di regalare un bel fuoco.

E’uno dei frutti più antichi coltivati dall’uomo. Le prime notizie risalgono a più di 2000 anni fa in Cina dove il clima è naturalmente favorevole alla crescita degli alberi di cachi, che possono raggiungere anche diversi metri di altezza.I cachi sono perfetti per iniziare la stagione autunnale, essendo un frutto altamente energetico e zuccherino, è consigliato in caso di inappetenza, stress e per chi fa sport.

100 grammi di cachi apportano al nostro organismo circa 67 calorie. Hanno un elevato apporto di zuccheri per questo vengono inseriti nelle diete degli sportivi e dei bambini. Apporta vitamina A e vitamina C. Grazie al potassio, e agli altri sali minerali come il fosforo, il magnesio, il sodio, il selenio, i cachi hanno proprietà diuretiche. Sono anche ricchi di beta-carotene capace di stimolare la produzione di melanina.

Questo frutto è molto versatile in cucina si possono realizzare marmellate, muffin, sorbetti, si possono accompagnare con formaggi vegetali e ottimi anche acerbi da fare sott’olio. Mentre per catturare anche il gusto dei più piccoli vi propongo questi ottimi biscottini.

 

TORTIGLIONI AL PESTO DI SPINACINO E AVOCADO

Ingredienti per 4 persone:

200 g tortiglioni di grano e orzo

60 g spinacini

200 g fagiolini

2 patate

60 g pinoli

1 avocado

1 C lievito secco alimentare *

1 C farina di mandorle

100 g olio EVO

½  spicchio aglio

Menta fresca qb

Preparazione: 

Privare le  patate dalla buccia e i fagiolini  delle punte poi tagliare a dadini e cuocere in acqua salata per 10 minuti circa, dopo la cottura scolare e mettere da parte. Nel frattempo preparare il pesto. Privare  l’avocado della buccia e tagliare a dadini, poi mettere nel mixer e  frullare con gli spinacini, il sale, il ghiaccio, l’aglio, i pinoli (solo 40 g), l’olio, la farina di mandorle e il lievito secco. A questo punto unire il pesto ottenuto con  le patate e i fagiolini precedentemente cotti e mettere da parte. Cuocere in abbondante acqua salata i tortiglioni con i tempi descritti sulla confezione, scolare e condire con il pesto di spinacino e avocado. Tostare brevemente i pinoli tenuti da parte e decorare i tortiglioni con pinoli e qualche foglia di menta fresca.

Lo sapevi che…

Il lievito secco alimentare si ricava dalla lavorazione del lievito di birra, che viene fatto essiccare da 0 a 5°C e successivamente confezionato a scaglie, rendendolo un lievito non fermentato, senza provocare disagi e fastidi intestinali. Non è adatto per la panificazione in quanto essendo essiccato non possiede più la capacità di lievitazione. Esso quindi viene essiccato per mantenere le sue proprietà benefiche utili soprattutto per ripristinare la flora batterica intestinale e per migliorare l’aspetto della pelle. Assunto come integratore permette anche di migliorare le cellule del glucosio favorendo l’apporto di insulina nel sangue.

CHEESECAKE VEG DI TOFU

Ingredienti per 6 persone
300 g di biscotti secchi vegani
50 g di  sciroppo d’agave
150 g prugne secche denocciolate
400 g di tofu vellutato al naturale
200 g di panna di soia
25 g di amido di mais (maizena)
120 g di zucchero di canna
1 limone

Preparazione: 

Mettere in una ciotola i biscotti  e le prugne e frullare  fino ad ottenere un composto abbastanza omogeneo e compatto, poi aggiungere lo sciroppo d’agave e amalgamare. Stendere l’impasto in una teglia a cerchio apribile e creare una base livellando l’impasto con le mani. Mettere in frigo la teglia per circa 1 ora per fare indurire la base. Nel frattempo preparare la crema. Mettere tutti i restanti ingredienti in una ciotola, il tofu, lo zucchero, la panna, l’amido di mais, il succo e la scorza del limone  e frullare con un mixer. Continuare a frullare sino ad ottenere una crema fluida. Una volta pronta, versare la crema sulla base di biscotti ormai fredda e compatta, ed infornare il tutto a 175 gradi per circa 40 minuti. Lasciare raffreddare in frigorifero prima di servire.

Accompagnare questa cheesecake  con una ottima salsa ai frutti di bosco. Per i più golosi si può accompagnare anche con un ottima salsa al cioccolato

CARPACCIO DI CANDELE DI GHIACCIO CON CITRONETTE DI TAMARI

Ingredienti per 4 persone:

2 candele di ghiaccio o ravanello bianco

1 limone succo

1 C salsa tamari

2 C erba cipollina tritata

Olio Evo qb

50 g pinoli

20 g germogli di bietola rossa

1/2 cucchiaino zenzero in polvere

Pepe colorato in grani

Preparazione: 

Pulire la candela di ghiaccio e tagliare per il lungo a fettine sottili aiutandovi con una mandolina oppure con l’affettatrice  e disporre in un piatto . Preparare a parte la salsina ed emulsionare con olio, succo di limone, salsa tamari e zenzero in polvere, poi tritare finemente l’erba cipollina. Versare la salsina sul carpaccio e gli aromi tritati. Fare riposare circa 30 minuti e prima di servire cospargere con pinoli tostati ,germogli di bietola rossa e pepe colorato

Lo sapevi che….

Candele di ghiaccio o ravanello. Il ravanello contiene pochissime calorie, è ricco di vitamina B e C, ha proprietà diuretiche e depurative stimolando l’attività del fegato e della cistifellea.
La radice è lunga, appiattita, di colore bianco e a forma allungata, quindi simile a un candelotto di ghiaccio. Il sapore è lievemente piccante, meno rispetto al classico ravanello. Rispetto al classico ravanello ha una buccia più sottile
Il ravanello fa parte della famiglia del rafano, ma le sue origini sono da ricercarsi altrove. Mentre il primo veniva usato già in epoca assai remota in Cina e successivamente anche in Grecia (circa 300 a.C.), le prime tracce del rapanello risalgono al XVI secolo.
Gli ortaggi appartenenti a questa varietà diventano particolarmente croccanti se messi brevemente a bagno in acqua ghiacciata. Sono ottimi anche come verdura, in insalate, rosolati in padella o cotti al vapore come il cavolo rapa. Insaporiti con abbondante erba cipollina o conditi con sale sono gustosi anche sul pane o nelle minestre.

BROWNIE AI LEGUMI

Ingredienti per 6 persone:

160 g fagioli cannellini

120 g fecola di patate

100 g olio di girasole

140 g zucchero di canna

160 g cioccolato fondente

Pinoli qb

Mandorle a fette qb

60 g uva passa

6 cucchiai di panna di soia

1 busta lievito (cremor tartaro e bicarbonato)

Un pizzico di sale

Preparazione:

Lavare i fagioli precotti privandoli della loro acqua, (se si desidera si possono utilizzare i fagioli secchi messi in ammollo per una notte e poi fatti cuocere per 30 minuti circa), mettere in una ciotola e frullare con  la panna, fino ad ottenere una purea piuttosto densa, poi unire l’olio,  la fecola di patate, lo zucchero di canna, il sale, ed infine il lievito per dolci e amalgamare il tutto fino ad ottenere un impasto cremoso. Sciogliere a parte il cioccolato fondente a fiamma molto bassa e con l’aiuto di una frusta amalgamare per evitare che si bruci, poi unire anche questo al composto e frullare ancora per qualche minuto. Infine aggiungere l’uvetta e la frutta secca e mescolare con una spatola. Versare il tutto in una teglia da forno alta 5 cm ricoperta da carta forno, livellare bene l’impasto e infornare a 175° C per circa 20-25 minuti. Decorare con una fogliolina di menta.